Mercoledì 20 Settembre 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Diminuisci dimensioni caratteri Dimensioni caratteri standard Aumenta dimensioni caratteri Alto contrasto   
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico

Notizie
I cittadini residenti nel Comune di Piasco possono sottoscrivere la raccolta firme per la seguente legge di iniziativa popolare:
"Modifica delle norme disciplinanti: violazione di domicilio-legittima difesa"
Presso l'Ufficio Anagrafe nel seguente orario:

lun:  11.00 - 14.00
mar: 08.15 - 12.00
mer: 12.00 - 17.00
gio:     ----------
ven:  08.15 - 12.00
sab:  08.15 - 11.00



RELAZIONE
 L’attuale criminalità, volta spesso a commettere reati di rapina o furto, pone sempre più frequentemente in pericolo la propria o altrui incolumità, determinando legittime reazioni a difesa di persone o beni. Questa criminalità, sempre più pericolosa, è in continua crescita dà luogo ad una situazione che genera un forte allarme sociale e fa aumentare la richiesta di rassicurazione. Mentre si auspica fortemente un rafforzamento delle misure collettive ed individuali di protezione attraverso un potenziamento delle forze di polizia e dell’intelligence, trattandosi di bande e diassociazioni criminali, è ormai non più rinviabile ed urgente un intervento legislativo per punire più severamente laviolazione del domicilio, escludendosi qualsiasi responsabilità per i danni subiti da chi volontariamente si introduce nella dimora privata e di aumentare la possibilità di legittima difesa senza incorrere nell’eccesso colposo, mentre il delitto sarà sempre punibile d’ufficio quando funzionale al compimento di altri delitti perseguibili d’ufficio come la rapina ed il furto. Siffatto ampliamento legislativo della tutela volto anche ad evitare il rischio di alimentare lacultura dello "sceriffo fai da te" cavalcato da forze politiche estremiste nei toni ma improduttiva nelle soluzioni,vuole invece costituire un più forte deterrente verso la categoria di criminali dediti a furti e rapine nei luoghi di private dimore, i quali così sapranno di non poter più beneficiare di scappatoie politiche e di non poter più volgere a proprio profitto norme dettate a tutela di persone perbene quali la risarcibilità del danno. Chi si introdurrà nei privati domicili saprà dunque di pagare più severamente ed di non potersi trasformare da aggressore in vittima chiedendo il risarcimento dei danni "imputet sibi" ogni possibile conseguenza per il proprio iniziare a giro criminale. Per le stesse ragioni chi difende l’incolumità o i beni propri o altrui all’interno del proprio domicilio non potrà rispondere della propria condotta, neppure a titolo di eccesso colposo in legittima difesa. 

PROPOSTA DI LEGGE

 Art. 1 "Modifiche all’articolo 614 del codice penale" 
1.All’articolo 614 del codice penale sono apportate le seguenti modifiche:
A.Al primo comma le parole: "da sei mesi a tre anni" sono sostituite dalle seguenti: "da uno a sei anni";
B.Al terzo comma sono aggiunte le seguenti parole: "ma si procede d'ufficio se il fatto è commesso per eseguire un altro reato";
C.Al quarto comma le parole: "da uno a cinque anni" sono sostituite dalle seguenti "da due a sei anni";
D.Dopo il quarto comma è aggiunto il seguente:" colui che ha posto in essere una condotta prevista dai commi precedenti non ha diritto al risarcimento di qualsiasivoglia danno subito in occasione della sua introduzione nei luoghi di cui al primo comma".
2.Art. 2 "Modifiche all’articolo 55 del codice penale"
A.All’articolo 55 del codice penale, infine, è aggiunto il seguente comma:" non sussiste eccesso colposo dilegittima difesa quando la condotta è diretta alla salvaguardia della propria o l’altrui incolumità o dei beni proprioaltrui nei casi previsti dal secondo e terzo comma dell’articolo 52".


© 2014 Comune di PIASCO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune. - CMS Città in Comune by LEONARDO WEB - MANTA (CN)

COMUNE DI PIASCO
Piazza Martiri della Liberazione, 1 - 12026
Tel. 0175.79124
Fax 0175.79276
Posta Elettronica Certificata: Email Certificata P.E.C : Invia una email certificata ...
Codice ISTAT: 004166
Codice catastale: G575
Codice fiscale:
85000470048
Partita IVA:
00459340048
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 07 M 06295 46770 T20990010244
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento